Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Lug 15, 2013 in Spiagge | 0 comments

La Navigazione nel Lago Maggiore

La Navigazione nel Lago Maggiore

Verbania é da sempre protagonista della storia del Lago Maggiore ed ovviamente ha vissuto in primo piano anche gli eventi legati alla navigazione sullo stesso. Infatti una città centrale sia per vita sociale che per ubicazione geografica, quale é Verbania, rispetto al lago maggiore si pone come punto di passaggio indispensabile, anzi come centro focale attorno al quale si sviluppa la vita e la storia del lago stesso. Intra e particolarmente Suna da sempre sono state punto di raccolta e di spedizione verso Milano di tutte le materie, legnami, prodotti, marmi che provenivano dall’Ossola e dalle valli adiacenti. Anticamente la navigazione nel lago maggiore avveniva per mezzo di barconi, dotati di vela quadra. Fu nella seconda decade del 1800 che la navigazione moderna nel Lago Maggiore ebbe inizio con il varo, nel braccio svizzero del lago stesso, del “Verbano”, il primo battello a vapore interamente realizzato in legno. Diciotto anni dopo, nel 1842, seguì il varo del “San Carlo”, secondo battello a vapore a solcare le acque del lago,...

Read More

Posted by on Lug 15, 2013 in Flora e Riserve | 0 comments

La flora della fascia collinare del Verbano

La flora della fascia collinare del Verbano

Ovviamente gli effetti mitigatrici della presenza del lago Maggiore sul clima non si fermano alle immedite adiacenze del lago ma si notano anche nella zona collinare che lo circonda. La vegetazione che ivi troviamo é di tipo forestale. Nocciolo, robinia, ciliegio selvatico ed ontano nero, ma anche abete rosso e pino strobo dominano il bosco misto a latifoglie. Alcune di queste essenze, quali la robinia e il pino strobo, cui si aggiunge qualche esemplare di quercia rossa, sono originari dell’america del nord e vennero qui importate ed ormai sono pienamente naturalizzate, ovvero si riproducono in questa zona come se fossero nel loro ambiente natio. Laddove invece l’acqua ristagna ed il suolo é umido cambia il tipo di vegetazione. Il bosco qui é dominato da frassini e ontani neri, mentre nel sottobosco troviamo una specie rara e protetta, una felcie, l’osmunda regalis, cui si affiancano ciclamini spontanei, altra pianta ormai protetta. Ma anche primule, crocus e anemoni fioriscono nei sottoboschi umidi nel corso della primavera. Laddove interviene l’uomo, dissodando il...

Read More

Posted by on Lug 15, 2013 in Flora e Riserve | 0 comments

La Flora del Verbano

La Flora del Verbano

La presenza del Lago Maggiore determina un cambiamento climatico importante rispetto al clima tipico che vi sarebbe nella zona qualora non vi fosse la presenza di questa importante massa d’acqua. La differenza tra temperature minime e massime é contenuta e la temperatura media invernale é più alta rispetto quella della pianura, così come quella media estiva é più alta. L’influenza del lago non si ferma alle zone immediatamente adiacenti lo stesso ma si estende alle valli che si affacciano sul lago. Il clima é caratterizzato da inverni miti ed estati umide, ed é di tipo mediterraneo yeapharmacy.com. La vegetazione é ricca di olivi, che prosperano sino alla quota di 300 metri, alloro e limoni. La vegetazione spontanea é perlopiù composta di piante di tasso, di leccio e di agrifoglio che troviamo lungo le sponde del lago assieme a molte piante sempreverdi, le quali a poco a poco si stanno sostituendo alle piante a foglia caduca. Mirto, nespolo giapponese, alloro, agrifoglio, edera invadono e sostituiscono nelle zone collinari gli spazi...

Read More

Posted by on Lug 15, 2013 in Flora e Riserve | 0 comments

Essenze tipiche dei giardini di Verbania

Essenze tipiche dei giardini di Verbania

Il clima tipico del Verbano, che d’estate accumula masse di aria caldo umida che scaldano le zone adiacenti rendendo miti gli inverni, hanno permesso a molte specie di acidofile di prosperare nei giardini delle molte ville che si affacciano sul lago. Il ruolo di regina, tra le varie essenze ivi presenti spetta sicuramente all’Azalea. Di origine orientale, giunse qui nell’ottocento. E’ una pianta rustica e longeva, con un apparato radicale limitato che può essere coltivata lasciandola crescere a piramide oppure ad alberello. Altra essenza che venne introdotta nell’ottocento é la Camelia la quale, originaria di Giappone e Cina, qui si é diffusa così tanto che alcuni definiscono il clima tipico del lago quale Clima delle Camelie. Questa essenza si caratterizza per un fogliame lucido e brillante oltre che per il fatto di crescere sia ad arbusto che ad alberello, diventando quindi duttile per le esigenze estetiche dei giardinieri kamagra online kaufen ohne rezept. L’albero delle rose, ovvero il Rododendro é una pianta antichissima originaria della Cina e della zona...

Read More