Pages Menu
Maatwerk in Kleur: Arbeidsbemiddeling in Intercultureel Perspectief
Categories Menu
Inzhenernye Raschety Pri Burenii Glubokikh Skvazhin: Spravochnoe Posobie

Posted by

on lug 15, 2013 in Spiagge | 0 comments

La Navigazione nel Lago Maggiore

La Navigazione nel Lago Maggiore

Verbania é da sempre protagonista della storia del Lago Maggiore ed ovviamente ha vissuto in primo piano anche gli eventi legati alla navigazione sullo stesso. Infatti una città centrale sia per vita sociale che per ubicazione geografica, quale é Verbania, rispetto al lago maggiore si pone come punto di passaggio indispensabile, anzi come centro focale attorno al quale si sviluppa la vita e la storia del lago stesso.

Intra e particolarmente Suna da sempre sono state punto di raccolta e di spedizione verso Milano di tutte le materie, legnami, prodotti, marmi che provenivano dall’Ossola e dalle valli adiacenti.

Anticamente la navigazione nel lago maggiore avveniva per mezzo di barconi, dotati di vela quadra. Fu nella seconda decade del 1800 che la navigazione moderna nel Lago Maggiore ebbe inizio con il varo, nel braccio svizzero del lago stesso, del “Verbano”, il primo battello a vapore interamente realizzato in legno.

Diciotto anni dopo, nel 1842, seguì il varo del “San Carlo”, secondo battello a vapore a solcare le acque del lago, cui due anni dopo si aggiunse un altro battello denominato “Verbano” cui si aggiunse l’epiteto di “secondo” per distingurlo da quello già in uso e che collegava Magadino (Svizzera) con Sesto Calende.

Fu nel 1848 che Intra entrò nella storia dell’unificazione d’italia quando entrambi i battelli San Carlo e Verbano Secondo furono usati da Garibaldi nel 1848 per trasportare le sue truppe ad Intra stessa, e da qui a Luino, per combattere e mettere in fuga le truppe austriache.

A questi storici battelli a vapore seguirono altri piroscafi chiamati “Torino”, “Genova” e “Milano”. Dal 1923 la propulsione a vapore venne abbandonata a favore di quella a motore Diesel. Dei battelli e piroscafi antichi rimane ben poco oggi, gli originali infatti vennero o smantellati o abbattuti durante gli scontri della prima e della seconda guerra mondiale. Solamente il “Piemonte”, uno stupendo piroscafo varato nel 1904, rimane tuttora visibile. In particolare questo piroscafo viene affittato a fini turistici e rappresentativi ed é conosciuto per i suoi saloni Liberty.

Al giorno d’oggi Verbania dispone di tre portili attivi, uno sito a Intra e uno a Pallanza, cui si aggiunge quello di Villa Taranto che servono la città e fanno della navigazione lacuale uno dei mezzi di trasporto più importanti non solo per muoversi nel lago ma anche per visitarne le bellezze paesaggistiche, sia navigando di giorno che godendosi una crociera notturna.

 

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>