Pages Menu
Categories Menu
Introducing Hugh MacLennan's Two Solitudes

Posted by

on ago 8, 2013 in Ville e Palazzi | 0 comments

Le Ville di Baveno: arte da vivere

Le Ville di Baveno: arte da vivere

Le Ville di Baveno: arte da vivere

La bellezza di Baveno passa anche per le ville che popolano questo borgo.

Appena oltre il torrente Selvaspessa, adagiata su una flora lussureggiante, fa bella mostra di sé Villa Fedora. Il più illustre proprietario di questo edificio? Il famoso compositore Umberto Giordano che abitò in questa villa per diversi anni. Oggi la Villa è proprietà della Camera di Commercio ma il parco, fortunatamente, è ancora a disposizione del pubblico.

Ma Villa Fedora non è l’unica villa di Baveno a poter vantare proprietari noti: anche in Villa Mussi, bellissima villa in stile Liberty sita nella frazione di Oltrefiume, abitò un’importante personalità.

Villa Mussi, infatti, deve il suo nome a Francesco Cazzamini Mussi, studioso della storia di Milano e poeta.

In qualità di turisti in esplorazione di ciò che Baveno ha da offrire avete voglia di ammirare un’altra villa che abbia qualcosa di inconfondibile? Villa Branca, costruita da Charles Henfrey, difficilmente passa inosservata: del resto come sarebbe possibile non notare uno splendido edificio rosso per i mattoni a vista e edificato in stile gotico inglese? Villa Branca prese questo nome quando, nel 1898, venne acquistata da Maria Scala Branca: originariamente, infatti, il suo nome era Villa Clara.

Nell’enumerazione delle Ville più famose di Baveno non si può non citare la Villa Della Casa.

La “Villa Della Casa” non è aperta al pubblico ma come rinunciare a fantasticare un po’ su di essa ricordando di quanto, nel 1875, l’architetto Augusto Guidini si occupò della sua realizzazione in pieno stile svizzero come le sue origini? La villa venne edificata per l’imprenditore Nicola Della Casa e il Ginkgo biloba piantato nel suo giardino è ancora oggi uno dei più grandi di tutta Europa.

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>