Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on lug 30, 2013 in Flora e Riserve | 0 comments

Riserva naturale fondo toce

Riserva naturale fondo toce

Riserva Naturale Fondo Toce

La riserva naturale speciale di Fondo Toce é costituita dalla parte terminale del fiume Toce e dalla piana da questi formata. La riserva é integralmente ubicata all’interno del comune di Verbania e costituisce una delle ultime zone umide presenti sul lago; il fatto di essere immersa in una zona fortemente urbanizzata la rende ancora più interessante. La riserva é abitata da moltissimi rettili come la biscia d’acqua e la tartaruga palustre, anfibi quale la rana verde, mammiferi come le volpi e le faine ed infine uccelli.

Si sviluppa su di una superficie di una trentina di ettari, compresa tra la parte finale del fiume Toce e le rive del Lago, chiusa verso l’entroterra da vegetazione a salice e da una ricca flora.

La riserva é quasi totalmente costituita da palude a canneto, tra gli ultimi rimasti di tutto il versante occidentale del Lago Maggiore e costituisce un luogo ideale per la riproduzione dei pesci di lago, quali carpe, lucciole e trinche nonché per la riproduzione di molte specie di volatili, in particolare migratori.

Le specie di uccelli censite nella riserva naturale sono oltre centotrenta, alcuni dei quali qui nidificano come il becaccino, il cigno reale, il germano reale, lo svasso maggiore mentre altri solamente sostano, ad esempio la cicogna.

Sono particolarmente spettacolari i dormitori di cormorani sulle rive del fiume e, durante l’estate, l’arrivo delle rondini che all’imbrunire scelgono il canneto per il riposo notturno.

Il canneto però non costituisce solamente un luogo di rifugio per gli animali ma svolge il ruolo di filtro verde, assorbendo numerose sostanze inquinanti presenti nelle acque del Toce.

Anche la flora ha la sua peculiarità, in particolare nella riserva naturale del Fondo Toce troviamo una castagna d’acqua del Verano che cresce solamente qui, oltre rari tipi di felci, salici e in generale più di 240 specie differenti di pianti acquatiche e non.

La riserva si può comodamente percorrere e visitare, a piedi o in bicicletta, grazie ad una rete di sentieri che la attraversano.

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>